L’emulazione dei suicidi

Il collega Giorgio Sturlese Tosi ha inviato questa riflessione su un tema di drammatica attualità. (da Unci)

 

Molti colleghi, inevitabilmente, stanno in questi giorni sottolineando il fenomeno dei suicidi per motivi economici. Fatte salve tutte le giuste considerazioni sulla necessità di fornire una corretta informazione, soprattutto in un momento difficile come questo, temo che ci stiamo un pò tutti rendendo partecipi di un fenomeno che rischia di avere conseguenze gravissime sui lettori più fragili. Limitarsi ad elencare ogni nuova morte sta già provocando una suggestione che porta al triste fenomeno dell’emulazione. Un titolo non può mai valere la vita di una persona. Il compito di un bravo cronista, credo, sarebbe quello di dare pure la notizia, cercando però di approfondirla, chiedendosi davvero chi è e perchè si è tolto la vita un imprenditore o un lavoratore disoccupato. dovremmo avere la voglia di tornare a fare il nostro lavoro, anticipando l’evento. Capire quali sono le situazioni di emergenza, svelare se vi sono eventuali comportamenti illegittimi da parte di chi licenzia o chi costringe a chiudere, smuovere le coscienze e le autorità per sbloccare sistemi delittuosi come i pagamenti da parte dello Stato. Insomma, anticipare e cercare in qualche modo di offrire un’alternativa a quegli episodi che portano al suicidio di una vittima della crisi. Limitarsi a riportare la notizia, senza approfondirla, è molto facile, ma serve a poco e rischia davvero di renderci complici di queste tragedie.

4 pensieri su “L’emulazione dei suicidi

  1. Pingback: L’emulazione dei suicidi « Professione Reporter

  2. Anche secondo me. Questa realtà così drammatica purtroppo spinge anche altre professionalità a cadere in questa trappola Persone che fino ad un anno fa facevano tanto nella ns società. Purtroppo è grave resti di stucco per esempio nel sapere che un professore o un artista si sia ucciso persone che hai incontrato un anno fa e si mostravano amorevoli nei confronti della loro platea amici Fa molto male anche se non conoscevi a fondo quella persona non puoi insomma ritenerla tua amica .Non ho mai creduto alla debolezza ovvero esiste in ognuno di noi una fragilità ma mi sa che in alcun casi sono esasperati da fattori esterni competizione illogica portata all’estremo .

  3. Pingback: L'emulazione dei suicidi | Professione Reporter

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...